LADY JULSS

DON'T BURN MY BODY !

         

 

TITOLO:
Don't burn my body !
AUTORE: Lady Julss
ANNO: 2016
EDITORE: Guido Vicari Editore
ISBN: 9788895927053
EURO: 5,00

[...] nei testi della musica rap nelle sue “barre” vibrano gli echi della nostra fragilità e della rivolta si sente battere forte il cuore la sete di riscatto la voglia di vivere il rap l'hip hop è poesia in movimento musica stile di vita voglia di battersi per tornare ad essere guerrieri

dalla presentazione in seconda di copertina

Lady Julss, a.k.a.(*) Giulia Capelli classe ’90 vive a Ravenna col suo moroso e col suo gatto quando è triste scrive quando è felice ride quando dorme sogna quando rappa si consola continua a dedicarsi alla sua musica e alle sue canzoni e a sognare una casetta piccolina in Canadà con vasche pesciolini e tanti fiori di lillà.

(*) : a.k.a. = also know as / anche conosciuta come

 
   

BENZENE ogni tanto vorrei non avere gli occhi non avere cuore non provare amore per nessuno di voi sciocchi ma invece guardami mentre mi curo le ferite causate dall’impatto con le vostre vite infinite sono le forme dell’amore dicono e non smetto di cercarle anche se a volte sai mi affliggo sconfiggo duri muri che il mio cuore crea per vivere la pace e non la guerra come Enea e scu_sami se ho tolto l’etichetta in fronte u_sami tutti bravi a dire aiu_tami poi se in inciampi perdi sangue dal dolore senti i crampi tutti bravi a dire fra richia_mami ma mi sento bene vi sto lontana siete un allergene ho rimesso il sangue nelle vene ho messo voi in un sacco nero ora più non mi dispero chiudo il laccio appiccio il fuoco e verso benzene

please tell me why you want to kill me i was a bad kid but please apologize me don’t burn my body please tell me why you want to kill me i promise that i will be a person that you dream don’t burn my body

 

LOTTE QUOTIDIANE a volte quanto temo aprire gli occhi mentre la sveglia compie i suoi rintocchi sullo stomaco pesanti blocchi ma non mi bloccano rimbocco le mie maniche e poi avanti il prossimo purtroppo se guardo avanti vedo sogni spenti provo a riaccenderli o ne invento venti non c’è spazio per lamenti che non cambieranno niente se vuoi cambiare le cose devi farlo attivamente non a momenti ma c’è ancora gente con gli occhi vivi io la vedo la rivoluzione in petto e la paura di quel credo io proseguo so che la strada è lunga io la inseguo con gli occhi bene aperti con lo sguardo tutto seguo sotto i piedi il mondo su di me le stelle dentro al cuore l’universo e tante cose belle con i piedi scorticati e cicatrici sulla pelle pronta a lottare col mondo a costo di restare inerme

lotte quotidiane non ci arrendiamo andiamo avanti questo è il nostro pane lasciateci sognare mentre ingoiate pare mentre piangete sale noi qua aspettiamo il sole senza protezione